Home 5 Rassegna Stampa 5 Nasce Cobat Tessile per trattamento e riciclo di tessuti giunti a fine vita

Nasce Cobat Tessile per trattamento e riciclo di tessuti giunti a fine vita

Cobat ha costituito una nuova realtà dedicata al settore dei tessuti, Cobat TESSILEs
Cobat ha costituito una nuova realtà dedicata al settore dei tessuti, Cobat TESSILEs

Cobat , la più grande piattaforma italiana di economia circolare, controllata dal gruppo Innovatec , ha costituito una nuova realtà dedicata al settore dei tessuti, Cobat TESSILE , per il trattamento ed il recupero di prodotti tessili giunti a fine vita . La piattaforma si aggiunge a quelle dedicate alle batterie esauste, alle RAEE, agli pneumatici ed ai materiali compositi. Al consorzio volontario Cobat TESSILE partecipano produttori – F.lli Campagnolo, Leva, Remmert – assieme alle Associazioni delle piccole, medie e grandi industrie , quali CNA, Confartigianato, Cassartigiani e Confindustria Toscana Nord, oltre alla società attiva nel settore del riciclo Tintess . Lo scorso 23 dicembre 2021, Cobat TESSILE ha depositato al Ministero della Transizione Ecologica istanza di parte per attivare in Italia la norma europea della Responsabilità Estesa del Produttore [EPR], relativamente alla gestione del fine vita dei tessuti. La mission del Consorzio è rendere protagonisti produttori , utilizzatori ed importatori di tessuti per il riciclo degli stessi e l’ ottenimento di nuove materie prime o energia. Cobat TESSILE aiuta le aziende aderenti a perseguire uno sviluppo sostenibile che apporti benefici non solo all’ ambiente, ma anche all’ intero sistema economico nazionale, riducendo gli sprechi e generando nuove materie prime. Per questo il Consorzio offre agli aderenti servizi integrati e personalizzati di gestione ambientale, con particolare attenzione alla gestione del fine vita e al riuso. Notevole attenzione è rivolta anche alla Ricerca e Sviluppo di nuove tecnologie per il corretto recupero di materie prime da immettere nel mercato riducendo i consumi idrici ed energetici.

FONTE: https://finanza.lastampa.it

Potrebbe interessarti anche