Home 5 Rassegna Stampa 5 L’ Italia lancia la prima filiera nazionale per il recupero delle batterie al litio

L’ Italia lancia la prima filiera nazionale per il recupero delle batterie al litio

L' Italia avrà una sua filiera nazionale per il recupero e riciclo delle batterie al litio , un settore industriale destinato ad avere un ruolo di primo piano nella mobilità elettrica.
L' Italia avrà una sua filiera nazionale per il recupero e riciclo delle batterie al litio , un settore industriale destinato ad avere un ruolo di primo piano nella mobilità elettrica.

Difatti, si legge in una nota congiunta, nove soggetti tra aziende e associazioni, hanno fatto rete e firmato un memorandum per sviluppare una catena del valore per la gestione del fine vita delle batterie al litio provenienti dal settore automotive . Questi i partner dell’ iniziativa: Class Onlus, Anfia, Cobat, Innovhub, Enel, Comau, Dipartimento di meccanica del Politecnico di Milano, Rse, Flash Battery. La principale finalità della nuova filiera è garantire il recupero delle batterie al litio che non possono più funzionare in modo efficiente sulle auto, riconvertendole in sistemi di accumulo stazionari . Difatti, spiegano i promotori dell’ iniziativa industriale, la batteria di un’ auto elettrica a un certo punto dovrà essere sostituita perché non più in grado di alimentare in maniera adeguata il veicolo. Tuttavia, quella stessa batteria può essere rigenerata e utilizzata all’ interno di sistemi di stoccaggio dell’ energia, come quelli al servizio degli impianti a fonti rinnovabili . La vita utile di una batteria per un’ auto elettrica, spiega la nota, è pari a circa 10-12 anni , ma la capacità residua quando viene smontata dalla vettura può raggiungere ancora fino all’ 80% di quella nominale. Le procedure di riconversione, prosegue il comunicato, comprendono processi innovativi di testing , disassemblaggio e riassemblaggio che sono attualmente oggetto di sviluppo e ottimizzazione sia dal punto di vista tecnico che economico.

È qui che entra in gioco il progetto dei nove protagonisti della filiera del “second life” delle batterie al litio. Tutte assieme, aziende e associazioni si sono impegnate ad avviare attività di ricerca e sviluppo per le seguenti attività: stoccaggio e messa in sicurezza degli accumulatori dismessi dai rispettivi settori di provenienza, prevedendo anche il recupero dell’ energia residua contenuta; degli dai rispettivi settori di provenienza, prevedendo anche il recupero dell’ energia residua contenuta; disassemblaggio e relativi pre-trattamenti attraverso tecnologie innovative che, sfruttando l’ automazione robotizzata , favoriscano l’ efficienza dei processi e lo svolgimento delle attività nel rispetto dei più alti standard di sicurezza; attraverso tecnologie innovative che, sfruttando , favoriscano l’ efficienza dei processi e lo svolgimento delle attività nel rispetto dei più alti standard di sicurezza; verifica dello stato di salute delle singole celle e/o moduli, attraverso metodi innovativi di stima della vita residua, per l’ individuazione delle componenti ancora utilizzabili ; ; riassemblaggio delle celle e/o moduli riutilizzabili e la produzione di nuovi pacchi di accumulo energetico , per applicazioni stazionarie. Il progetto ha anche lo scopo di sviluppare tecnologie e processi per il trattamento e riciclo delle celle e dei moduli risultati inutilizzabili, in accordo con i principi fondamentali dell’ economia circolare.

FONTE: www.qualenergia.it

Potrebbe interessarti anche