Home 5 Rassegna Stampa 5 In due anni Cim4.0 Academy ha formato 50 manager della trasformazione digitale

In due anni Cim4.0 Academy ha formato 50 manager della trasformazione digitale

Nel 2019 il competence center torinese Cim4.0 ha avviato un corso di formazione pensato per accelerare i processi di upskilling e reskilling delle competenze relative a industria 4.0
Nel 2019 il competence center torinese Cim4.0 ha avviato un corso di formazione pensato per accelerare i processi di upskilling e reskilling delle competenze relative a industria 4.0

Nel 2019 il competence center torinese Cim4.0 ha avviato un corso di formazione pensato per accelerare i processi di upskilling e reskilling delle competenze relative a industria 4.0, la Cim4.0 Academy , finalizzata a preparare manager tecnici e imprenditori nel guidare e gestire la digital transformation . La seconda edizione della Cim4.0 Academy ha visto coinvolti 25 partecipanti, prevalentemente di età compresa tra i 28 e i 55 anni, provenienti sia da grandi industrie sia da piccole e medie imprese italiane. A ciascuno di loro è stato assegnato un tutor che li ha accompagnati e guidati in un percorso immersivo caratterizzato da 350 ore, suddivise tra aula, con docenti universitari, senior specialist e technical fellow, attività laboratoriali, grazie al centro di alta tecnologia del Cim4.0 e gestione di casi reali. Oggi i 25 protagonisti della seconda edizione, ottenendo il diploma di Industry 4.0 Innovation Leader , certificato anche dalla Scuola Master e Formazione Permanente del Politecnico di Torino, sono in grado, grazie all’ approccio multidisciplinare e ad un’ efficacie cooperazione sistemica tra industria e accademia, di generare un reale valore aggiunto nel processo di trasformazione tecnologico-culturale del mondo impresa, necessario per accrescere credibilità e competitività internazionale. Tra i neo diplomati ci sono figure executive, senior e giovani manager, alcuni professionisti in fase di ricollocamento: proprio per consentire una partecipazione eterogenea all’ Academy, il cui unico scopo è quello supportare l’ industria, soprattutto il tessuto pmi, nel trasferimento di competenze e conoscenze trasversali sulle tecnologie 4.0, il CIM4.0, grazie al sostegno di Federmanager , ha scelto di offrire 5 borse di studio contribuendo in parte a finanziare l’ intero percorso. «Per il secondo anno consecutivo ci ritroviamo a rimarcare quanto sia fondamentale, al fine di supportare strategicamente e operativamente le imprese nel loro processo di trasformazione digitale, possedere le skill giuste, il che non significa soltanto accrescere conoscenza e competenza, ma acquisire al contempo metodi, visioni e intuizioni che applicati in un mercato esigente e veloce come quello attuale, fanno la differenza», commenta Luca Iuliano , presidente di Cim4.0. «Grazie a CIM4.0 Academy qualunque lavoratore, anche chi è in fase di ricollocamento, può formarsi in modo completo e coerente con le richieste di una industria che non può fare a meno di innovare e digitalizzare processi e soluzioni». «Ciò che rende la nostra Academy un modello unico per l’ upskilling e il reskilling delle competenze 4.0 è la combinazione perfetta del trasferimento delle differenti conoscenze, garantito dalla forte sinergia collaborativa tra università e aziende leader e dell’ eterogeneità di esperienza dei partecipanti, con il coinvolgimento di manager provenienti dalle grandi aziende ma anche dalle piccole e medie imprese italiane», spiega Enrico Pisino , ceo di Cim4.0. «Uomini e Donne che hanno scelto un percorso di alta formazione particolarmente intensivo, suddiviso in moduli di innovazione tecnologica e capacità applicative, completato da attività laboratoriali, utilizzando gli ambienti e le linee pilota del nostro Competence Center. Oggi ci troviamo a premiare 25 persone che, grazie al lavoro svolto, sono in grado di guidare e gestire il delicato processo di trasformazione tecnologica delle proprie aziende, forti di una preparazione teorica e pratica acquisita sul campo. Ma non vogliamo certamente fermarci qui: già in aprile daremo il via alla terza edizione della nostra Academy, con l’ auspicio che venga confermata una partecipazione ampia e diversificata, registrando una adesione incrementale di donne manager. Perché per noi, la formazione e la cultura 4.0, è un processo top-down, dove al centro ci sono le persone e intorno il nostro modo di aiutarle a crescere come professionisti e come innovatori».

FONTE: https://www.industriaitaliana.it

Potrebbe interessarti anche