Home 5 Rassegna Stampa 5 Hera lancia NexMeter, il contatore gas per l’ idrogeno in plastica riciclata

Hera lancia NexMeter, il contatore gas per l’ idrogeno in plastica riciclata

Puntare alla transizione ecologica superando l' utilizzo esclusivo di gas naturali, ma introducendo nella vita di tutti i giorni miscele con green gas, come il biometano e l' idrogeno.
Puntare alla transizione ecologica superando l' utilizzo esclusivo di gas naturali, ma introducendo nella vita di tutti i giorni miscele con green gas, come il biometano e l' idrogeno.

Con questo obiettivo il gruppo Hera ha presentato alla Fiera Enlit di Milano NexMeter, un contatore gas in grado di gestire miscele di idrogeno. Il contatore uno smart meter gas 4.0, il primo nel suo genere a livello internazionale – si legge nella nota della multi-utility guidata da Stefano Venier- per tecnologie all’ avanguardia e funzioni di sicurezza anche in termini di riduzione delle dispersioni di gas in atmosfera. Realizzato con plastica riciclata, gi utilizzabile per la distribuzione in rete dell’ idrogeno (fino a un massimo del 20% di compatibilit). Nelle prossime settimane partir su una trentina di famiglie nel modenese la sperimentazione sul campo – la prima in Italia di uso dell’ idrogeno nella distribuzione gas domestica – che mira a studiare soluzioni innovative per contribuire alle esigenze di decarbonizzazione del territorio. Stefano Venier, ceo di Hera I benefici ambientali I benefici di NexMeter – segnala la nota – sono diversi. L’ eliminazione delle perdite, perch riduce le dispersioni di metano, a loro volta altamente inquinanti, mentre l’ intero processo di ottimizzazione della gestione della rete gas incide positivamente sul rendimento e sulle emissioni degli apparecchi utilizzatori, a partire dalle caldaie. La capacit di intercettare e segnalare agli utenti anche le pi piccole fughe di gas aiuta poi a contenere i costi in bolletta. Il contatore in plastica riciclata Inoltre, il nuovo modello di NexMeter sar il primo contatore in commercio con la maggior parte dei componenti in plastica riciclata, fino a superare il 68 per cento. Per arrivare a questo risultato, il Gruppo Hera ha potuto contare sulle competenze della propria controllata Aliplast, leader nel riciclo e rigenerazione della plastica, con stabilimenti in Italia e all’ estero, e una produzione annua di circa 100.000 tonnellate di plastica riciclata. Green e smart anche la manualistica, con l’ inserimento di un QR code sul contatore al posto del classico manuale d’ istruzioni per evitare il consumo di carta, e la confezione, in cartone riciclato. Obiettivo: 300 mila contatori entro il 2023 Il precedente modello di NexMeter era gi dotato di funzioni evolute: un piccolo computer all’ avanguardia con caratteristiche di assoluta precisione e sicurezza, in quanto capace di intercettare in tempo reale anche minime perdite o scosse in caso di eventi sismici. Avviata nel 2019, prosegue l’ installazione anche di questi dispositivi, con 70.000 apparecchi gi in funzione. Grazie a circa 45 milioni di investimenti, l’ obiettivo di raggiungere i 300.000 contatori NexMeter installati entro il 2023, di cui 200.000 in plastica riciclata. Le aree interessate sono quelle servite dalle societ di distribuzione del Gruppo Hera, a partire dalle aree classificate a rischio sismico o in cui si sono verificati recentemente fenomeni tellurici, come Emilia-Romagna e Friuli-Venezia Giulia. Venier: Investire e innovare Con NexMeter – ha dichiarato Stefano Venier, amministratore delegato del Gruppo Hera – gi due anni fa, abbiamo dato prova concreta della nostra capacit di investire e innovare in un settore ancora molto tradizionale come quello della distribuzione del gas, ponendo particolare attenzione alla sicurezza e alla riduzione delle dispersioni di gas in atmosfera, elemento al centro anche del recente dibattito della Cop26. Oggi, con questa nuova versione del dispositivo, pronta per l’ idrogeno e in plastica riciclata, facciamo un ulteriore passo in pi, continuando a mettere a frutto la nostra esperienza in questo ambito con le competenze dei partner pi qualificati a livello nazionale e internazionale. Azioni e investimenti per l’ economia circolare e l’ innovazione guidano, infatti, le strategie del nostro Piano industriale, in linea con gli orientamenti europei e gli obiettivi dell’ Agenda Onu 2030.

FONTE: https://www.corriere.it

Potrebbe interessarti anche