Home 5 Rassegna Stampa 5 Eurostat, il 78,4% dell’ economia italiana non è circolare

Eurostat, il 78,4% dell’ economia italiana non è circolare

Eurostat, il 78,4% dell' economia italiana non è circolare Il tasso di utilizzo circolare dei materiali è comunque cresciuto nell' ultimo anno: nel nostro Paese la quarta performance migliore d' Europa [3 Dicembre 2021] di Luca Aterini
Eurostat, il 78,4% dell' economia italiana non è circolare Il tasso di utilizzo circolare dei materiali è comunque cresciuto nell' ultimo anno: nel nostro Paese la quarta performance migliore d' Europa [3 Dicembre 2021] di Luca Aterini

In Italia si generano ogni anno 30 mln di ton di rifiuti urbani che vengono raccolte in modo differenziato (61,3%) per poi essere avviate in larga parte a recupero di materia (50%); anche i ben più ingenti rifiuti speciali ( 154 mln di ton l’ anno ) vengono avviati soprattutto a riciclo (68,9%), ma si fa presto a sopravvalutare le dimensioni effettive dell’ economia circolare. Secondo gli ultimi dati pubblicati da Eurostat , riferiti al 2020, il tasso di circolarità (Cmu) in Italia è ancora al 21,6%: guardando all’ altra faccia della medaglia, significa che il 78,4% dell’ economia nazionale non è circolare, ma si affida al consumo di risorse naturali vergini. Si tratta comunque di un dato in crescita sull’ anno precedente (+2,1%) e una performance migliore rispetto al dato medio Ue (12,8%, +0,8%). Solo Francia (22,2%), Belgio (23%) e Paesi Bassi (30,9%) fanno meglio. «Il tasso di circolarità rimane ancora basso e, secondo Eurostat – sottolineano da Assoambiente – può essere aumentato allungando la vita dei prodotti, utilizzando processi produttivi più efficienti e rimpiazzando combustibili fossili con energia rinnovabile». I dati che sono stati presi in considerazione per la redazione dello studio riguardano le quantità di materiali estratti, importati, riciclati o smaltiti, oltre alle emissioni e all’ energia (non da fonte rinnovabile) utilizzata per produrre i materiali stessi. «Lo studio – aggiungono da Assoambiente – evidenzia anche le significative differenze nel tasso di circolarità a seconda dei materiali considerati. Nel caso dei minerali metallici il tasso di circolarità arriva al 25%, per i minerali non metallici (compreso il vetro) al 16%, per la biomassa (compresi carta, legno, tessuti) al 10%, mentre scende al 3% per materiali come plastica e combustibili fossili». C’ è dunque molto ancora da fare, oltre la raccolta differenziata, per raggiungere un’ economia davvero circolare.

FONTE: https://greenreport.it

Potrebbe interessarti anche