Home 5 Rassegna Stampa 5 Eurizon, l’ utile 2021 sale del 25%. Patrimonio sui massimi a 439 miliardi

Eurizon, l’ utile 2021 sale del 25%. Patrimonio sui massimi a 439 miliardi

Eurizon ha chiuso il 2021 con un utile netto di 813 milioni di euro, in crescita del 25% rispetto al 2020
Eurizon ha chiuso il 2021 con un utile netto di 813 milioni di euro, in crescita del 25% rispetto al 2020

Eurizon, società di asset management del gruppo Intesa Sanpaolo guidata dall’ ad, Saverio Perissinotto, ha chiuso il 2021 con un utile netto di 813 milioni di euro, in crescita del 25% rispetto al 2020. Il patrimonio ha raggiunto il record storico di 439 miliardi con un rialzo del 5,2% da inizio 2021, grazie ai flussi di raccolta sia in Italia sia all’ estero e all’ andamento dei mercati. Il margine da commissioni è stato pari a 1,282 miliardi (+19,5%) e il cost/income ratio si è posizionato al 16%, confermando gli ottimi livelli di efficienza della società. La raccolta netta totale sull’ anno è stata di 9,9 miliardi di euro. Sui fondi aperti Eurizon si è posizionata best in class secondo i dati Assogestioni, con flussi netti per 12 miliardi di euro, distribuiti tra fondi bilanciati (+3,7 miliardi di euro), azionari (+3,6 miliardi di euro), obbligazionari (+3 miliardi di euro) e monetari (+2,2 miliardi di euro), mentre i fondi flessibili hanno registrato deflussi netti per 479 milioni di euro. Un ulteriore contributo è arrivato dai fondi chiusi con 419 milioni di euro. Negativa la raccolta sulle gestioni di portafogli (retail e istituzionali) per 2,9 miliardi di euro. La società cinese Penghua Fund Management (partecipata al 49%) ha chiuso l’ anno con un patrimonio di 144,5 miliardi di euro, +41% da inizio 2021, con una raccolta di oltre 28 miliardi di euro nei 12 mesi. L’ hub nell’ Est Europa ha registrato una raccolta di 55 milioni di euro e un patrimonio di 3,8 miliardi di euro a fine anno. Lo scorso novembre è stato portato a termine il percorso di avvicinamento delle società dell’ Est Europa all’ interno della Divisione Asset Management del gruppo, con il rebranding di Eurizon Asset Management Croatia (in precedenza PBZ Invest), dopo quello di Eurizon Asset Management Slovakia (marzo 2020) ed Eurizon Asset Management Hungary (aprile 2021). La controllata londinese Eurizon SLJ Capital, società di asset management focalizzata su strategie macro e valutarie, ha terminato l’ anno con 4,6 miliardi di euro di masse. Gli investimenti connotati da caratteristiche Esg di Eurizon a dicembre 2021 hanno raggiunto quota 110 miliardi di euro, pari al 46% delle masse dei fondi. Si conferma, inoltre, il crescente impegno nell’ attività sulla corporate governance: nel 2021 Eurizon ha preso parte a 160 assemblee degli azionisti di società quotate (120 nel 2020) sia presso la Borsa Italiana (56%) che sui mercati internazionali (44%), esprimendo il voto su 1773 risoluzioni. La Sgr ha condotto 958 engagement con 644 società emittenti, di cui 30% hanno riguardato tematiche Esg. Il gruppo ha poi ricordato che il 31 gennaio scorso è stata perfezionata la partnership con Poste Italiane in esecuzione dell’ accordo quadro annunciato lo scorso 14 luglio, con il quale Poste Vita e BancoPosta Fondi Sgr sono entrate nel capitale sociale di Eurizon Capital Real Asset Sgr mediante la sottoscrizione di un aumento di capitale dedicato. (riproduzione riservata)

FONTE: https://www.milanofinanza.it

Potrebbe interessarti anche