Home 5 Rassegna Stampa 5 Cybersecurity, spesa globale a 1,75 trilioni di dollari entro il 2025

Cybersecurity, spesa globale a 1,75 trilioni di dollari entro il 2025

Con la previsione che la criminalità informatica costerà al mondo 10,5 trilioni di dollari all' anno entro il 2025
Con la previsione che la criminalità informatica costerà al mondo 10,5 trilioni di dollari all' anno entro il 2025

Con la previsione che la criminalità informatica costerà al mondo 10,5 trilioni di dollari all’ anno entro il 2025, rispetto ai 3 trilioni di dollari di dieci anni fa e ai 6 trilioni di dollari nel 2021, una crescita commisurata della spesa per la sicurezza informatica sarà fondamentale per tenere il passo contro i criminali informatici. La spesa globale per prodotti e servizi relativi alla cybersecurity arriverà ad 1,75 trilioni di dollari entro il 2025. Lo ha annunciato il fondatore di Cybersecurity Ventures Steve Morgan : ‘Nel 2004, il mercato globale della sicurezza informatica valeva solo 3,5 miliardi di dollari, e ora è uno dei settori più grandi e in più rapida crescita nell’ economia dell’ informazione’ . Le cifre riflettono, in parte, il drammatico cambiamento che la pandemia di COVID-19 ha prodotto negli ultimi due anni. Le aziende hanno raddoppiato i servizi online, revisionando i prodotti esistenti e sviluppandone di nuovi basati sul cloud. Tuttavia, anche se questi servizi hanno conquistato un ruolo di primo piano nelle trasformazioni digitali delle aziende, sono diventati anche parafulmini per i criminali informatici. Il 18% dei 500 CEO intervistati da KPMG nel 2021 ha affermato che il rischio cyber sarebbe la minaccia maggiore per la crescita della propria organizzazione nei prossimi tre anni. Questo è stato quasi il doppio del 10 percento dei CEO che ha affermato lo stesso a metà del 2020: un cambiamento significativo di atteggiamento nell’ arco di soli sei mesi. Le sfide dell’ ultimo anno sono pervasive, con il 69% dei CEO che dichiara di aver accelerato nuovi modelli di business digitali e flussi di entrate nell’ ultimo anno. Di conseguenza, il 52% ha dichiarato che quest’ anno darà la priorità alle misure di sicurezza dei dati. Investimenti: le startup che operano nella cyber hanno superato i 9 miliardi di dollari nei primi mesi del 2021 Un’ analisi del settore di Gartner evidenzia la diversità e la crescita relativa del settore cyber nei suoi segmenti chiave, che si sono diversificati in linea con la natura sempre più complessa dell’ impresa trasformata digitalmente. La spesa per la sicurezza del cloud, ad esempio, aumenterà del 41,2% quest’ anno, mentre la sicurezza dei dati (17,5%), la protezione dell’ infrastruttura (16,8%), la gestione dell’ accesso alle identità (15,6%), la gestione integrata del rischio (12,6%) e i servizi di sicurezza (11,4%). Una parte fondamentale di questa crescita arriverà quando le startup innovative verranno commercializzate a un ritmo record. I finanziamenti globali per la sicurezza informatica hanno superato i 9 miliardi di dollari nella prima metà del 2021, secondo i dati di Crunchbase che hanno mostrato che il settore ha già superato il record dello scorso anno di 7,8 miliardi di dollari di investimenti. I CISO fanno la differenza Con la previsione che la criminalità informatica costerà al mondo 10,5 trilioni di dollari all’ anno entro il 2025, rispetto ai 3 trilioni di dollari di dieci anni fa e ai 6 trilioni di dollari nel 2021, una crescita commisurata della spesa per la sicurezza informatica sarà fondamentale per tenere il passo contro i criminali informatici. Tuttavia, le aziende senza la giusta interfaccia business-cybersecurity potrebbero scoprire che stanno spendendo i soldi giusti nei posti sbagliati. Per allocare in modo più efficace la spesa per la sicurezza informatica, i dirigenti dovranno collaborare con specialisti IT e di sicurezza informatica per correlare il rischio aziendale con il rischio tecnologico e per identificare soluzioni reciprocamente vantaggiose che soddisfino gli obiettivi aziendali, oltre a proteggere i sistemi e i dati diffusi negli ambienti cloud ibridi. Un ottimo modo per facilitare queste conversazioni è nominare un CISO, che può aiutare a monitorare il settore della sicurezza informatica e abbinare le spese aziendali alle priorità aziendali. Il forte riconoscimento istituzionalizzato dell’ importanza del CISO è un buon indicatore del fatto che l’ aumento della spesa per la sicurezza informatica andrà nelle aree giuste, ma nonostante le previsioni precedenti, molte aziende ancora non li hanno o non li riconoscono come business-critical se lo fanno .

FONTE: https://www.key4biz.it

Potrebbe interessarti anche