Home 5 Rassegna Stampa 5 Agricoltura di precisione, strumenti e appuntamenti non mancano

Agricoltura di precisione, strumenti e appuntamenti non mancano

È ora di passare dalla ricerca al campo e adottare soluzioni innovative. Le ultime metodologie e tecnologie al centro di vari eventi in programma nel 2022 e nel 2023
È ora di passare dalla ricerca al campo e adottare soluzioni innovative. Le ultime metodologie e tecnologie al centro di vari eventi in programma nel 2022 e nel 2023

L’ agricoltura di precisione – efficace strategia di gestione dell’ azienda agricola – si basa sulla raccolta, elaborazione ed analisi di dati temporali, spaziali e individuali che vengono combinati con altre informazioni per supportare l’ agricoltore. Si può così intervenire in maniera mirata , tenendo conto della variabilità delle condizioni, per migliorare l’ efficienza d’ uso delle risorse, la produttività, la qualità, la redditività e la sostenibilità delle produzioni. Il precision farming è realtà Alla base dell’ agricoltura di precisione c’ è la gestione dei dati attraverso le tecnologie informatiche. Il precision farming è quindi parte integrante del processo di trasformazione digitale che sta investendo tutti gli ambiti della vita quotidiana e si traduce nell’ Agricoltura 4.0 nel settore primario. La digitalizzazione delle campagne è affidata a strumenti in grado di raccogliere i dati, trasmetterli ed elaborarli per aiutare l’ agricoltore a prendere decisioni o perfino sostituirsi ad esso. Utilissimi sono i satelliti , le grandi infrastrutture informatiche, i sistemi informativi territoriali e aziendali, le macchine agricole con appositi apparecchi di misurazione e controllo, i sensori in campo, nonché i robot , i droni e i sistemi di monitoraggio diffuso collegati con l’ Internet of Things (Iot). Oggi, oltre a disporre di tante nuove soluzioni, l’ agricoltura di precisione sta passando dalla ricerca al campo applicativo grazie alla progressiva diffusione di tecniche consolidate . Ad esempio, nell’ ambito dei trattamenti fitosanitari, progetti per lo sviluppo della distribuzione a rateo variabile hanno consentito di realizzare irroratrici che eseguono un’ applicazione differenziata sulla base di mappe di prescrizione o informazioni raccolte dai sensori in tempo reale, riducendo l’ uso dei prodotti chimici. Strumenti di precisione, come svilupparli? Alcuni progetti si propongono di adattare macchine preesistenti per ridurre i costi della tecnologia, altri si avvalgono dell’ accresciuta cultura dei “makers” (fai da te) e di strumenti innovativi per sviluppare sistemi robotici e l’ Intelligenza Artificiale. Tuttavia, prevedibilmente i costruttori di macchine e attrezzature agricole insieme ai produttori di software specializzati giocheranno il ruolo più importante , poiché dispongono delle risorse necessarie a sviluppare prodotti pronti per il mercato. Visti i costi ancora elevati delle soluzioni di precisione, le grandi aziende agricole o le imprese contoterzi realizzano la maggior parte degli investimenti. Ciononostante, i tempi sono maturi e la prospettiva di arrivare a prodotti dal prezzo ragionevole e accessibili ad una vasta platea di agricoltori non è irrealistica. Tanti appuntamenti per aggiornarsi Tra le vetrine che permettono di scoprire i progressi fatti dalla ricerca e dall’ industria nell’ agricoltura di precisione c’ è la fiera Fira che – tenutasi nel 2021 e in programma sempre a Tolosa (Francia) dal 6 all’ 8 dicembre 2022 – mostra una serie di soluzioni di agrorobotica all’ avanguardia. Inoltre il convegno della Società Internazionale di Agricoltura di Precisione , che si svolgerà dal 26 al 29 giugno 2022 a Minneapolis (Stati Uniti) con la partecipazione di esperti da tutto il Mondo, sarà un’ importante occasione di aggiornamento sullo stato dell’ arte del precision farming. Da non perdere anche la conferenza europea sull’ agricoltura di precisione che – organizzata a luglio 2023 dal Distal dell’ Università di Bologna – vedrà numerosi ricercatori e attori europei del settore discutere delle ultime novità. A cura di Giuliano Vitali, agrofisico e ricercatore, Michele Mattetti, ingegnere meccanico e professore associato, Maurizio Canavari, esperto in marketing del mercato agroalimentare e professore ordinario dell’ Università di Bologna.

FONTE: https://agronotizie.imagelinenetwork.com

Potrebbe interessarti anche